Tu sei qui: Home / Spiritualità del Centro / Esercizi di pratica meditativa / Pillole di Meditazione / Pillole di Meditazione - L'olfatto

Pillole di Meditazione - L'olfatto

Brevi esercizi di pratica meditativa per allargare lo spazio della tua interiorità e assaporare, in un clima di silenzio e di quiete, la verità e potenza della Parola.

 

fioripercentrotavola.gif

L’olfatto

Il naso è uno stupendo laboratorio scientifico che lavora con precisione distinguendo rapidissimamente gli odori piacevoli o sgradevoli.

La sensibile mucosa odorifera cura il nostro benessere: i profumi piacevoli sollevano il nostro stato d’animo.
Gli odori ed i profumi si legano spesso a sentimenti positivi o negativi.
Ogni persona ha i profumi preferiti.
Ogni persona è un profumo (2 Cor,2,15).

C'è una memoria olfattiva, cosi come c'è una memoria visiva, uditiva, gustativa, tattile, motoria.
C'è un mistero nascosto in ognuno dei nostri sensi, quindi anche nell'olfatto.
Il mistero si scopre piano piano e produce stupore e meraviglia.
Ci si deve fare attenti. La meditazione ci aiuta ad attivare l'attenzione.
Posso evocare la diversità degli odori e dei profumi ed osservare le mie reazioni di attrazione o rifiuto.
Posso anche  evocare il profumo dell 'incenso che accompagna la preghiera liturgica o anche la mia preghiera personale.

Nella Bibbia si parla di profumi, ne sono nominati almeno una trentina. I patriarchi ne offrirono a Giuseppe (Gn 43,11);  la regina di Saba ne porta in dono a Salomone
( 1Re 10,2-10)
Il profumo era necessario all’esistenza quanto il mangiare e il bere.
Duplice è il suo significato: nella vita sociale manifesta la gioia mentre nella liturgia simboleggia l’offerta e la lode.
Profumarsi significa estrinsecare la propria gioia di vivere “il profumo e l’incenso allietano l’uomo” ( Pr 27,9)
Nella liturgia l’uso dei profumi è simbolo di offerta “ Come incenso salga a te la mia preghiera”( Salmo 141).
L’incenso e il suo profumo evoca il culto divino.
Gesù è il culto, è l’offerto a Dio ed il cristiano, a sua volta, unto di Cristo, è il diffusore del profumo di Cristo stesso.

Esercizio
- Prepariamoci all’esercizio meditativo mettendoci alla presenza consapevole del Signore e invocando, su tutta la nostra persona, l’azione dello Spirito Santo

-Interiorizziamo uno dei seguenti testi:

- “Come incenso spandete un buon profumo" (Sir 39,14)

-“Siano rese grazie a Dio, il quale sempre ci fa partecipare al suo trionfo in Cristo e diffonde ovunque per mezzo nostro il profumo della sua conoscenza!
Noi siamo infatti dinanzi a Dio il profumo di Cristo per quelli che si salvano e per quelli che si perdono” (  2Cor 2,14-15)

“Maria allora prese trecento grammi di profumo di puro nardo, assai prezioso, ne cosparse i piedi di Gesù, poi li asciugò con i suoi capelli, e tutta la casa si riempì dell'aroma di quel profumo (Gv 12,3)

- Chiediamoci se davvero siamo profumo di Cristo.

-Riceviamo con la meditazione recettiva “ un nuovo profumo”.

- Operiamo per spargere intorno a noi il profumo di Cristo ed essere persone “che profumano” di Lui.

- Ringraziamo per quanto ricevuto dalla Parola del Signore e per la consapevolezza che possiamo ogni giorno portare nel nostro ambiente un profumo di salvezza.

 

------------------------------------------------------------------------------------

Se vuoi comunicare qualche tua riflessione o risonanza o semplicemente metterti in contatto con noi, clicca qui

« giugno 2017 »
giugno
lumamegivesado
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930
« giugno 2017 »
giugno
lumamegivesado
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930