Tu sei qui: Home / Meditazione Cristiana / Il metodo della meditazione

Il metodo della meditazione

“Poiché la carne di Cristo è vero cibo e il suo sangue è vera bevanda, il vero ed unico bene nella vita presente è mangiare questa carne e bere questo sangue, non soltanto nel mistero dell’altare ma anche nella lettura della Scrittura” S. Girolamo.

Consapevole di Gesù, Cristo Signore, Via-Verità-Vita, il meditante si mette alla Sua scuola con un graduale e progressivo allenamento al Silenzio Interiore.

Si lascia istruire, curare e trasformare dalla Parola della Sacra Scrittura e dalla Eucaristia per cogliere la Presenza del Verbo e l’azione dello Spirito che operano in un pluralismo di modi tutti da decifrare, per vivere da figli amati e salvati.

La pratica meditativa consente così di vivere i tre classici passaggi, sotto l'azione dello Spirito che opera in sinergia con il nostro spirito:

  • dall'esterno all'interno;
  • dall'interno all'intimo di sé;
  • dall'intimo di sé all’oltre sé, a Dio (S. Gregorio Magno) .

Oppure, come vissuti nella tradizione spirituale cristiana: dalla Purificazione all'Illuminazione, per realizzare l’Unione con Dio ed esprimerla poi nella Missione.

art. 6 regolamento IL METODO FORMATIVO DEL CENTRO

I momento: Purificazione

Il meditante si prepara all'incontro con il Signore:

  • prende coscienza della divina Presenza, delle motivazioni e desideri che lo stimolano a stare con il Signore;
  • prende le distanze dal proprio io inquinato e disturbato invocando l’azione purificatrice dello Spirito Santo;

avanza con umiltà e fede verso l'intimo del proprio essere (il cuore profondo) dove abita, vive e opera Dio- (Gv 14,24)

II momento: Illuminazione

Raggiunto il cuore profondo, il meditante:

  • dispone tutto il proprio essere all'ascolto silenzioso della Parola di Dio che è Viva ed Efficace e da essa si lascia illuminare, contestare, questionare, medicare, sanare. (Sal 36,18)
  • sulla Parola dimora a lungo e in silenzio per permetterle di penetrare tutte le cellule della persona come l'acqua penetra dolcemente la terra, l'ammorbidisce, la bonifica e la fertilizza;
  • si lascia guidare dalla Parola per discernere ciò che il Signore chiede nell' oggi della sua esistenza. (Sal 94,8)

 

III momento: Unione- Trasformazione

Il dimorare a lungo nella Parola e con la Parola mette in moto un processo misterioso di trasformazione, di unificazione e comunione che configura a ciò che si medita e si contempla, cioè a Gesù Vita.

In un certo senso il meditante diventa, in sinergia con lo Spirito, ciò che contempla e sperimenta la forza sacramentale-trascendente dell’incontro con il Signore.

IV momento: Missione

Questo cammino unitario di purificazione, illuminazione, unione che si inizia con la pratica meditativa e medicativa regolare, sfocia necessariamente in un impegno di vita che trova nel quotidiano il proprio luogo di incarnazione. Il riferimento alla vita della comunità cristiana, l'alimentazione eucaristica e liturgica diventano sempre più essenziali e quotidiane.

V momento: Verifica

Alla fine dell'esercizio meditativo il sostare a leggere il proprio vissuto spirituale permette di prendere coscienza dell'opera che Dio sta realizzando e di verificare i prodigi del Suo Amore; dal cuore sgorga la Benedizione e la vita diviene Celebrazione del Signore.

Un ulteriore approfondimento del metodo meditativo può essere fatto facendo riferimento alla sintesi "cristologica" Gesù VIA - VERITA' -VITA (Gv 14,6).

  • Il meditante si mette in viaggio per realizzare un incontro più consapevole con il Signore nel quale e del quale già vive: “in Lui viviamo, esistiamo e siamo” (At 17,28) E’l’esperienza di Gesù VIA
  • La VERITA’ liberamente e responsabilmente accolta, si trasforma in
  • VITA e si esprime nella carità, nella comunione, nella volontà di bene.

Lo stesso cammino unitario è vissuto nella Eucaristia dove l’incontro esperienziale con Gesù VIA - VERITA' -VITA si fa particolarmente carico di grazia per l’azione sacramentale che viene compiuta.

La pratica meditativa diventa cosi, per analogia con il mistero della Eucaristia scandito dalla purificazione-illuminazione-trasformazione-missione, un vero culto spirituale che bene esprime il dinamismo sacerdotale del Battesimo.

Inoltre a tutti coloro che regolarmente frequentano i percorsi meditativi e a chiunque altro intenda parteciparvi, il Centro offre l’opportunità di approfondire argomenti di cultura cristiana e di accostarsi a tematiche :

  • di Antropologia teologica;
  • di Cristologia;
  • di Patrologia;
  • di Spiritualità.